top of page

Dicembre: filastrocche e proverbi lunghi un mese!

FolkNews DICEMBRE2023

di Lina Cabrini

In occasione di questo numero di Folknews, ho chiesto ad amici di FITP Lombardia provenienti da varie parti della regione di spedirci racconti, poesie, pensieri su questo periodo natalizio. 
Ha raccolto il mio invito Roberta Brivio, che mi ha spedito una poesia in dialetto valtellinese di Giovanni Bertacchi, poeta, accademico e critico letterario (Chiavenna, 9 febbraio 1869 - Milano, 24 novembre 1942).
              

1 VALTELLINA  FOTO  1.jpg

UN MOMÉNT DE NOSTALGIA                
Dialetto Valtellinese

Quant Ciavena la se inòcia sü, tra mèz ai sò montagn. 
cont quii sò gandón de ròcia che stravaca in d'i campagn; 
quant da quest a quel paces i se ciaman tüti i gees,
mi, sbandii de Lombardia dal decrét del mè destín, 
cerchi un pòst in tratoría, cerchi l föoch d'un quai camin, 
e stoo lí a guardà l pasaa cont i öc imbambolaa.

Eco; pròpi in sto moment sum chi, dent in d'una stanza, 
bèl al còlt, coi sentiment tüt velaa de lontananza. 
Còsa ghé che viif o möor in l inverno del mè cöor?

Föra l fiòca: in quel velari che vegn gió su tec e straat, 
come in font a un gran scenari se profila i mè valaat. 
Forsi a st'ora, sü a Ciavena, sonarán per la novena.

O novena de Natal, tanto vegia e sempar növa, 
paar che l cel de la mia val a sentit al se comöva; 
paar che pròpi sia là sü el presepi de Gesü.

Caar presepi, me regòrdi! Coi compagn, finii la scöla, 
se coreva tüc d'acòrdi sü per Prost e per Capiöla a cerca, 
fra i èrboi mat, òri, müfa e spungiaràt.

Pö in d'i stüfl era un defà a tra insém la scena viva:
gh'era i pàscoi, gh'era i ca, gh'era i sonadoo de piva, 
el Bambín, che fa la nana tra i du bèsti, in la capana.

Quanti rop a nun bastrúch me parlava in quela scena, 
fada sora a quatar sciúch lungo i dí de la novena! 
Ghe sentivom al riciàm de la feet di nostar mam.

Ma l vegniva pö l gran dí che in quel quadar inocént 
se vedeva a compari i trè Magi de I orient,
i trii rè: Gaspar, Melchior, Baldasar, cont i tesòr.

In la noc quii rè inscí bèi, filànt via a vün a vün, 
i portava sui camèi un quaicos anca per nün... 
Nün a scüur, coi ốc aveert, trepignavom sot ai cuèert.

El dí dopo un carnevaa tra tüc nün compàgn de giooch:
magatèi, trombét, soldaa, cont i esempi arént al föoch. 
Fèsta granda, incoronada d'una zena prelibada.

Ma, po dopo, che magón tornà chiét sot ai lenzoo! 
Piú vin dolz, piú panetón, tüt finii, i mè pòvar fiöo... 
Doman... scola! Epifanía tüti i fest i a pòrta via!

 

È la nostalgia per la sua terra, già dichiarata anche nel titolo, nella ricorrenza più poetica e sentita dell'anno: il Natale. 

Sotto le feste il poeta, lontano, al fuoco d'un camino di trattoria, vede profilarsi dinanzi alla mente la valle natia e i natali della fanciullezza. Quando in tempo di novena con i compagni di scuola andava in cerca, fra gli ippocastani di Prosto e di Capiòla, di alloro, muschio e pungitopo per il presepio, che veniva allestito nei caratteristici locali foderati in legno, riscaldati dalle « pigne» (stüf, dal tedesco Stube); poi la trepidazione nell'attesa del Bambino con i giocattoli (magatèi) e gli altri doni; infine l'epifania e la fine di tutte le feste. 
Pubblicata sulla rivista «Il torotetèla» del gennaio 1933, questa lirica, composta prima del 1930, è la più nota e recitata. "È una delle piú dolci rievocazioni del natale lombardo -Scrisse il Medici - con una bella e spontanea descrizione del presepio, che il poeta, per la sua semplicità francescana, tanto amava". 

 

In autonomia ho rinvenuto questa poesia di Pippo Bonaccorso. Ho coinvolto il nostro amico Antonio di Sicilia nel Cuore, gruppo di Garbagnate Milanese, affinché potessi offrirvi la traduzione sottoriportata.

'U friddu 'i Dicembri  

Passati i motti a genti 'spetta mi 'trasi Dicembri e 'nchiuti a puntetta; u friddu nni 'ttassa giungemu a cupetta ma vincirlu megghiu ci pensa a buffetta!
A brava massara ti menti a sabbietta ; e dopu pulpetti bracioli o cotuletta na costa i maiali o da longa 'rrustuta cu na codda i sosizza cu spau stinciuta!
"Ma si nni 'mpunta?" fa cumpari Ninu "caru cumpari cca' c'e' u megghiu, di vinu chi fa sciddicari 'nto cannarozzu stu beni i Diu e non fai nuddu sfozzu!
Scusati ancora si strudu a me vuci ! dicembri e' chinu di festi e ci voli lu duci? " "Caru cumpari chistu e' gia' cacculatu ci pensa Flavia mi nni duci u palatu !
Ti inchi u misi di pasti e di torti chi risuscitari ti fannu puru li morti. Puttati cca' i vostri panzi vacanti chi li inchemu e u friddu i Dicembri chiu' non si senti!

Passate le feste dei morti, la gente aspetta che arrivi il mese di Dicembre e, nonostante riempi la trapunta (la trapunta veniva riempita dalla lana di pecora) il freddo ti attanaglia ugualmente e, quindi aggiungiamo una coperta.  
Ma per vincere meglio il freddo ci pensa la tavola.

La brava massaia ti imbandisce la tavola e, dopo polpette braciole e cotolette una costina di maiale o la lonza arrostita con una corda di salsiccia stretta dallo spago!

“Ma se ci resta in gola?” dice compare Nino. Caro compare qua c’è il miglior vino che fa scivolare nell’esofago tutto questo ben di Dio, senza fare sforzo alcuno.

Scusate ancora se faccio sentire la mia voce! Ma dicembre è pieno di feste e, ci vuole il dolce! 
Caro compare questo è già calcolato ci pensa Flavia ad addolcire il palato.

Ti riempie il mese di pasticcini e di torte che fanno resuscitare persino i morti. 
Portate qua le vostre pance vuote che le riempiamo ed il freddo di dicembre non lo sentirete più.

2 SICILIA - FOTO  2.jpg

Le filastrocche

Su un calendario risalente all’anno 1989 di cui però non ho al momento informazioni editoriali, contenente però didascalie in dialetto bergamasco, ho trovato questo proverbio

“Santa Lössea l’è ’l dè piö cürt che ghe séa”

Ecco il commento di Luigi Furia di Gorno: 

Ma, non è vero che il giorno di Santa Lucia è il più corto. Ma come, è proprio sbagliato?
Adesso sì, ma una volta ….. papa Gregorio XIII, alla fine del Cinquecento, ha messo mano nel calendario e ha fatto una “paciugàda” togliendo dieci giorni dal calendario. 
Alla gente non era piaciuto, continuando sulla strada vègia
Il vecchio calendario non se l’erano sognati loro, ma l’aveva fatto Giulio Cesare che l’ìa mia l’ültem riàt.
E allora teniamoci cari i nostri proverbi che, pur non essendo la verità rivelata, sono la schirpa di nòs-cc vèc, sono la dote dei nostri vecchi.


Ü BÙ NEDÀL A TÖC      
(Luigi Furia, poeta e scrittore di Gorno)  


“La fiocca desembrina per trii mes la confinna”

(dialetto milanese, tratto dal web)
Ciò vuole significare che dicembre è il mese ideale perché la neve caduta duri a lungo sui campi e sui monti. 

L’amica Chiara Bonfante mi segnala questo proverbio in dialetto mantovano.
"Pàr Santa Bibiana quarànta dè e una stmàna"
Per Santa Bibiana quaranta giorni e una settimana (le condizioni meteo che si hanno il giorno di Santa Bibiana, il 2 dicembre, dureranno quaranta giorni e una settimana)

L’amico Daniele Fumagalli infine mi spedisce alcune carole dialettali cantate (un tempo, nella sua Cantù, e non solo) in dialetto canturino.


Piva…… Piva
Piva Piva l'oli d'uliva 
gnaca gnaca l’oli che taca,
u mangiaa trii beau e una vaca e una sgorba de scigull piva piva sun mai segull.

Piva piva l'oli d'uliva gnaca gnaca l’oli che taca. 

L'é ul Bambin che porta i belee l'é la mamm che spend i danee l'é ul papà che ghe vusa a dree


È scià Natal tanta carna in del caldar tantu vin in del vassell par impienì ul me butascell.
 

bottom of page