© 2019 FITP Lombardia

Taissine Gorno

Gorno

1/28

sede: Gorno c/o Polo Socio Culturale

(Piazzale Bersaglieri, 1)

Presidente: Lina Cabrini

Ritrovo associativo: 

Il giovedì presso il Polo Socio Culturale

(Piazzale Bersaglieri, 1)

Lina 339.7196517

  • Facebook
  • YouTube
  • Black Icon Instagram

Il gruppo delle Tassine si è costituito nel 2006 per dare voce e mantenere viva una storia di donne, le taissine.

Gorno ha un trascorso di attività mineraria, fino al 1982 si estraevano zinco e piombo e le “taissine” hanno fatto parte di questa realtà.

Sembra quasi impossibile, eppure non molti decenni fa, (dalla fine del 1800 fino agli ani ’60 del secolo scorso), all’imbocco delle miniere accanto ai minatori lavoravano anche le donne, esse erano addette alla cernita del minerale: sedute su sgabelli e con semplici strumenti come martelli e setacci separavano il minerale “buono” di piombo e zinco dalla roccia. Con le loro preziose man sfidavano il gelo dell’inverno e la calura estiva per strappare alla pietra piccoli frammenti di minerale...

Queste donne che hanno vinto la montagna e la dura roccia, con caparbietà e determinazione, hanno guadagnato l’indipendenza e hanno contribuito al mantenimento della famiglia; orgogliose mostravano sul libretto di lavoro la loro qualifica: cernitrici. In un’epoca in cui le donne erano relegate ai lavori di casa e alla cura della famiglia esse sono state importantissime nella filiera della miniera.

Abbiamo avuto l’occasione di scoprire questa figura di donne grazie al racconto dei minatori e dei nostri parenti che da sempre hanno vissuto grazie alla miniera. Abbiamo anche avuto il privilegio di intervistarne alcune che con semplicità e quasi nostalgia ci hanno raccontato con orgoglio del loro passato del loro lavoro e della spensieratezza che caratterizzava quei momenti con le amiche; speso si cantava, si pregava, ci si raccontava passioni e sogni.

L’esperienza vissuta fino ad oggi stimola noi Taissine di oggi a proseguire, raccontando la storia di queste donne, continuando il loro passo, portandole lontano, oltre i sentieri delle nostre valli. Perché di loro cosa rimarrà, se non i ricordi che noi possiamo portare avanti?

Siamo un gruppo di 15 donne, tutte appassionare di storia e tradizioni e nelle manifestazioni allestiamo un ambiente simile a quello di lavoro delle Taissine e proponiamo canti, poesie e racconti che narrano la loro vita, i loro sogni, la loro quotidianità.

Il nostro costume richiama quello indossato dalle taissine di allora, una gonna lunga e una camicia a fiori coperta da un grembiule da lavoro, un foulard e uno scialle per ripararsi nelle giornate più fredde e ai piedi gli zoccoli di legno che le taissine spesso toglievano per risparmiarli, mentre salivano lungo i sentieri per raggiungere la miniera. Abbiamo anche alcuni oggetti di lavoro che portiamo con  noi come il martello, il setaccio, la carriola, la lampada a carburo che sono ancora originali donatici da taissine e minatori.

Abbiamo raccolto la vita delle Taissine delle miniere di Gorno e anche di altri luoghi dell’Italia in un libro e le nostre canzoni in un cd in cui abbiamo abbinato le classiche canzoni tradizionali da miniera ad alcune da noi riadattate per raccontare di queste donne e di fatti relativi alla vita di montagna.

ALLE "TAISSINE" DI GORNO

Taissine de Góren

Ardiga bé! zùene e bèle ma i è precìs a chèle,
ai taissine de minéra che i à smiglàt mineràl e géra
per i secoi del passàt e i sò famèe i à ‘mpiantàt.

Ardì i öcc come i sberlüs, i è tace barbài de lüs:
contentèssa, amùr, passiù per i sò raìs, i sò tradissiù,
per chi fomle issé care che i à sgranàt piòch e rosare.

Carèta, peröi, martèi, crièl, zerlì i è amó chèi;
reléquie tegnide in quach cantù perché töt l’indàess mia a cagnù.
Per i pagn i à sgognàcc chi ècc: estìcc del laorà, estìcc poarècc.

Ma sóta chi estìcc, v’lo dighe mé, l’gh’è ü laùr pressiùs, laùr de re,
ü cör che l’regorda e l’bat co la cadénsa di chi i à taissàt,
la stèssa di sò none e bisàole,  … scultìl bé, i è mia fàole.

I raìs i è prope chèle e de lure i sa sént sorèle,
issé i à troàt la manéra  de regordà ‘l laorà de minéra,
de onorà chi fomle sante e ‘l sò esémpe portà inante.

Chèle i taissàa delbù per pödì mangià ü bocù,
chéste i fa noma parì per fam vèd, per fam capì:
care taissine de minéra sì grande in ògne manéra!


Luigi Furia     Gorno, 10 ottobre 2005

TAISSINE

Du ramere rösnete ol técc ,
ü piassàl de minéra ol löch,
di fèr, gran póch:
ü martèl de taissà
ü crièl de setassà ,
ü peröl e öna careta per portà,
ma, sura töt, du ma  de qualità
per spiglà tochelì de mineral,
bocù de pa con tanta sal;
chèsto l'ìa ol mond di taissine
che per secoi i à smiglàt calamina
per i ài del Ris e Parina.
D'inveren l'ìa ün inferén,
i ma töte crepade
e sgrìsoi a scaretade.
Quando l'ìa tròp dür ol calvare
i disìa sö ‘l rosare:
Pater noster ... fiat voluntas tua ...
Dam ol coldì d’öna clòssa che cua!
Ave Maria gratia plena ...
Fam passà ol mal de schena!
Sancta Maria, Mater Dei ...
Ta recomande i me matèi!
Ogne piochetì l'ìa ön'Àe Maréa
e söl mineràl le sberlüsìa tace rübì,
góte de sangh del piö fì,
sangh di taissine de minéra,
che a ogne fòsa, a ogne manéra
ai sò pöcc i gh'à dacc töt:
la éta e ‘l pa per ol de sa,
l'esempe e ‘l pregà per ol de là.

 

Luigi Furia   2001  1° Premio Dossena